S.I.A.E = Società Inutile di Abominevoli Estorsori


Dopo qualche giorno di silenzio, avrei voluto postare un po' di novità, tra cui una recensione, quella de Le Porte di Anubis di Tim Powers, e poi qualche cambiamento di stile, di grafica...insomma, cose varie.
Tuttavia, un recente avvenimento ha destato e deviato la mia attenzione dalle amenità letterarie, tanto che ho deciso di dedicargli un post.
Secondo la folle idea dei maledetti estorsori camuffati da impiegati pubblici che gestiscono la SIAE, bisognerebbe pagare una tassa per ospitare i trailer sul proprio spazio web. Anzi, per essere precisi
Le modalità tecnologiche di comunicazione dei contenuti audiovisivi sono indifferenti. Per quanto riguarda la responsabilità per diritto d'autore risulta indifferente se ciò avviene attraverso embedding o inserimento nel sito o se il sito ospita direttamente il video nella propria banca dati. Questa responsabilità sussiste per ogni comunicazione di opere musicali, sia nell'ambito di un trailer embeddato sia in video caricato dagli utenti oppure mediante ritrasmissione attraverso il sito da una qualsiasi fonte esterna.  (Stefania Ercolani - Direttore Ufficio Multimedialità SIAE)
Quindi, la suddetta norma non si applica solo ai video hostati sul proprio spazio web, ma anche, per esempio, ai video embeddati da YouTube sul proprio sito, o blog. Insomma, tutti quelli che ho postato io fino ad ora, per capirci. 

Cerco di spiegare la questione in termini ancora più semplici per farvi capire la totale assurdità della cosa: se tu devo produrre un film, per poi "venderlo" al pubblico devi pubblicizzarlo. Con locandine, manifesti, comunicati stampa e...trailer. Queste cose costano. Ma costano, o almeno dovrebbero costare, a te produzione del film. Cioè, per fare in modo che io canale televisivo, o io cinema, mandi in onda il trailer del mio film, tu mi paghi. Chiaro? TU PAGHI. In fondo non fa una piega: Io ti faccio pubblicità, tu mi paghi.
Ecco, l'assurda pretesa della SIAE è quella di rovesciare completamente questa logica: io blog, io sito internet, io gruppo facebook, io forum, io semplice utente voglio pubblicare un trailer per fare pubblicità al tuo film...E IO PAGO! Ripeto: follia pura.
Ma qual'è la logica che sta dietro a questa follia? E' presto spiegata nel comunicato SIAE:
I magazine e i blog cinematografici on line e gli altri siti aumentano la loro attrattività verso gli utenti (e quindi verso gli inserzionisti pubblicitari) arricchendo con i trailer e con la musica in genere i loro contenuti. [...] Dov’è la sorpresa se un’impresa deve pagare quando si procura le materie prime per fare business?
In pratica questi imbecilli (o questi astutissimi ladri?) stanno paragonando un blog che pubblica trailer (che so, magari per consigliare ai suoi lettori di andare a vedere il tal film, o di seguire la tal serie tv) a un'impresa che si procura le materie prime per fare business! Follia pura x3.
La cosa esilarante (o deprimente?) del comunicato SIAE è che questi strozzini del cazzo (oggi sono molto  francese, lo so) cercano anche di farci passare la cosa come un favore:

L’unico diritto da pagare è quello per le colonne sonore. Chi le utilizza dovrebbe trovare tutti i titolari delle varie musiche, ma con la licenza della SIAE gli utenti risolvono il problema con un unico pagamento.
La licenza della SIAE è quindi una soluzione pratica per chi vuole rispettare la legge.
Peccato che non si prendano la briga di specificare che si tratta di una legge merdosa e ingiusta, che non tutela un cazzo di nessuno, ma serve soltanto a continuare a nutrire le vacche grasse che lavorano alla SIAE. Beh, no, grazie.
Tra l'altro 'sta porcheria non è nemmeno a buon mercato! Si parla di 450 € trimestrali per un limite di 30 pubblicazioni! Follia pura x4. Ah, a proposito! Nel caso in cui ve lo steste ancora chiedendo... sì, il provvedimento in questione è RETROATTIVO. Si applica dunque anche a tutto il materiale video già pubblicato. Follia pura x5.

Bene, prima di lasciarvi un elenco di link utili a proposto di quello che ho scritto, voglio lanciare un appello: Non pagate! Per nessun motivo! Rimuovete il materiale video, se lo ritenete necessario. O, meglio ancora, fregatevene e pubblicatene ancora! Sticazzi di avvertimenti e multe: NON PAGATE! La SIAE è, per usare un termine del caro Mr. Giobblin, un dinosauro (stronzo) in via di estinzione. Presto si sgretolerà, e, a Dio piacendo, se ne andrà a cagare con tutti i suoi provvedimenti inutili. Ripeto: NON DATEGLI UN CENTESIMO! Per quanto mi riguarda, che se li venissero a prendere, se credono di averne il diritto.
Bene, ho finito, e a culo tutto il resto. Oh, ho citato Guccini. Posso? O devo pagare anche per questo? State muti, MERDE!


E adesso, un po' di link:

9 commenti :

  1. Tra un pò sarà proibito fischiettare, eccheccacchio!
    Comunque vai a dare un'occhiata al profilo FB ufficiale della SIAE, stanno prendendo insulti a secchiate anche per di lì XD

    RispondiElimina
  2. Ma cos'è?Istigazione alla vita monacale?!Io ho paura persino ad accenderlo il pc,hai visto mai che la musichetta di Windows...
    Comunque un saluto...:)

    AnimulaVagulaBlandula

    RispondiElimina
  3. ma non ho capito una cosa, il problema è la musica del trailer? allora i blog possono metter trailer muti, no?

    RispondiElimina
  4. scusate, forse sono stata un po' ermetica, il commento precedente non è pro SIAE (ci mancherebbe!!), non se si capiva :)
    Era solo un suggerimento per aggirare questa decisione immonda!

    RispondiElimina
  5. @LISSE
    Uhm...tendenzialmente credo che si possano mettere trailer muti. Tuttavia non credo che questo "risolverebbe" il problema: in fondo, se io metto un trailer nel post, è perchè penso che giovi al post stesso, aggiungendo qualcosa, stimolando magari i lettori a vedere il film in questione (o a non vederlo). Che senso ha un trailer muto? Una carrellata di immagini, praticamente. Il problema è che lo stesso direttore generale della SIAE, in una sua intervista di qualche anno fa, disse testualmente: "la nostra (della SIAE) vocazione è quella di far pagare più soldi possible". E questo dice tutto.

    @Animula
    Sì, tra un po' reclameranno i diritti pure dei suoni di errore, altro che musichetta di Windows! :D

    RispondiElimina
  6. beh, sì hai ragione, diciamo che il trailer muto sarebbe solo una forma di protesta!
    Ho letto quell'intervista che citi, una frase del genere, buttata lì con naturalezza, come se fosse la cosa più normale del modo spremere i consumatori, è semplicemente raccapricciante!

    Tra quanto gli verrà in mente che se copio la quarta di copertina in una recensione libraria dovrei pagare la SIAE perchè sto facendo business con le mie recensioni usando materiale coperto da copyright???? -.-

    RispondiElimina
  7. Stando a quanto ho appreso da Zwei, mi sembra ragionevole boicottare la SIAE scegliendo le società estere. Semplice, veloce, indolore, proficuo. Bisognerebbe che tutti gli artisti di qualsiasi tipo lo facessero.

    RispondiElimina
  8. concordo con te: è assurdo e ingiusto (per non utilizzare un francesismo). la cosa più grave è il concetto di fondo: uno fa pubblicità e pure pagarla per farlo. vergognoso. comunque ti ho aggiunto nell'elenco dei blog che seguo. se ti va di fare lo stesso l'indirizzo è questo:
    letteraturaecinema.blogspot.com

    ciao e complimenti per il blog

    RispondiElimina
  9. Grazie Luigi, ricambio volentieri! ^^

    @Taotor
    Ho seguito anche io la discussione da Zwei, e ci sto facendo un pensierino. Anche se per ora è più forte la tentazione di continuare a fare i miei comodi e vedere che succede. Almeno per quanto riguarda il blog.
    Per quanto riguarda invece la mia professione di teatrante...beh, io sono quasi sempre l'autore di quello che facciamo con il mio gruppo, e non sono autore SIAE. Anche i testi teatrali che ho scritto sono sotto licenza Creative Commons, come la roba del blog, e poi lavoriamo soprattutto nelle scuole in ambito didattico, quindi siamo esenti dal pagamento dei diritti d'autore, in quei casi. Sempre che non si inventino altro, e a quel punto si vedrà.
    In realtà la SIAE sta andando a morire, e questi secondo me sono gli ultimi colpi di coda del dinosauro agonizzante, per usare la similitudine di Mr. Giob. Bisogna resistere, come sempre. :)

    RispondiElimina