Steampunk Junk (1) - Arcanum: Of Steamworks and Magick Obscura

Sono fiero di inaugurare, con questo post, la nuova rubrica di Draghi d'Ottone e Nani con la Scopa

Steampunk Junk

Ora, voi, cari lettori, saprete certamente di cosa parlo quando dico steampunk. Nel caso in cui non lo sapeste (maledetti profani infedeli), potreste sempre andarvi a leggere il meraviglioso ed esauriente articolo del Duca "Breve Introduzione allo Steampunk". Davvero illuminante.
L'altro termine invece, junk, è una parola inglese (ma và?) che indica "roba", ma anche "spazzatura" o "roba vecchia", o meglio ancora "cianfrusaglie". Un termine che tra l'altro si adatta bene ad un'atmosfera steampunk, piena di ingranaggi, vapore, retrotecnologia e via dicendo.
Beh, questa rubrica altro non è che una serie di segnalazioni più o meno dettagliate (non recensioni) a seconda dei casi, di cianfrusaglie steampunk ormai cadute nel dimenticatoio, oppure mai arrivate in Italia, o arrivate e mai cagate da nessuno. Sì perchè anche se il boom dello steampunk è arrivato in Italia solo da poco, come ben sapete questa cosa girava già da parecchio. E' solo che adesso hanno scoperto che ci sono degli idioti che amano mettersi gli occhialoni da aviatori e gli ingranaggi anche nel retto (come sono oxfordiano, oggi...), e quindi, fatta la sottocultura, fatta la merce da vendere: lo steampunk prima "sconosciuto" invade scaffali di librerie, canali televisivi, internet, producendo una gran quantità di monnezza. Anche cose decenti, a tratti, ma soprattutto monnezza commercializzabile su larga scala. 
Tutto questo per dire che le cose che voglio segnalarvi (dai fumetti ai videogiochi, dai film ai manuali di rpg) spesso si riveleranno un po' retrò, spesso irreperibili, ma tant'è, secondo me sarà una rubrica interessante.
Per questo non voglio perdere tempo, e comincio subito con un succulento videogame:

Steampunk Junk n°1: Arcanum - of Steamworks and Magick Obscura


TIPO: gioco per PC

ANNO DI USCITA: 2001

SVILUPPATORE: Troika Games

PUBBLICAZIONE: Sierra Entertainment

PIATTAFORMA: Microsoft Windows

GENERE: gioco di ruolo




Inauguriamo la rubrica Steampunk Junk con uno straordinario, classicissimo rpg in perfetto stile Baldur's Gate, Neverwinter's Night e via dicendo.
Come dite? Mai giocato a questi giochi? Fuori di qui!
Vabbè, dai scherzo, però vi siete persi davvero qualcosa.
I GDR con visuale isometrica, soprattutto quelli ispirati a Dungeons & Dragons e all'ambientazione Forgotten Realms sono dei meravigliosi compagni di nottata quando hai quindici anni e tanto tempo libero!


Quanti ricordi...


C'è da dire però che Arcanum: Of Steamworks and Magick Obscura, rispetto ai due mostri sacri Baldur's Gate e Neverwinter's Night, ha qualcosa in più, qualcosa di veramente unico per l'epoca e, probabilmente, la conserva ancora adesso: una bellissima ambientazione steamfantasy, motivo tra l'altro per cui è finito nella nostra rubrica.
Insomma, immaginate un mondo in cui accanto a foreste piene di Elfi stregoni e Druidi saggi sorgono città industrializzate e ferrovie, dove potreste trovarvi a passare la notte nel castello di un nobile cavaliere o nel magazzino di una fabbrica di armi da fuoco: Ecco, questo è il mondo di Arcanum. Un mondo in cui gli orchi schiavizzati che lavorano nelle miniere di carbone lottano per i propri diritti, in cui i Nani (come da clichè, purtroppo) se ne vanno in giro imbracciando archibugi, e se un Mago potente passa troppo vicino ad una macchina, questa impazzisce e smette di funzionare.
E' in questo mondo che il vostro personaggio vive, ed è qui che inizieranno le sue (le vostre) avventure.
Tutto comincia con il nostro personaggio in viaggio su uno Zeppelin, durante il suo volo d'inaugurazione. Mentre il dirigibile sorvola un paese sconosciuto, improvvisamente viene attaccato da uno stormo di aerei da combattimento, guidati da un gruppo di Ogre: viene facilmente abbattuto, e si schianta al suolo
Al risveglio, scopriamo di essere l'unica persona sopravvissuta allo schianto. Ripresosi dall'incidente, il nostro eroe trova vicino ai relitti del dirigibile uno gnomo in fin di vita. Il nostro personaggio intavola con il moribondo un dialogo che culmina in un'ultima accorata richiesta: la consegna di un anello al legittimo proprietario (tipica quest iniziale da gdr). Dopodichè, il povero gnomo muore. Di lì a poco il nostro protagonista viene abbordato da un distinto signore, Virgil, il quale ci rivela che, secondo lui, siamo la reincarnazione di un elfo, un antico eroe reclamato da divine profezie (altro elemento abbastanza classico).

Il mondo di Arcanum.
Può sembrare semplice e scarno, ma è vastissimo e pieno di luoghi da esplorare:
dungeons, città industrializzate, foreste, castelli e molto altro...

Così cominciano le nostre avventure, che saranno straordinarie... Ma soprattutto tante. Il mondo di Arcanum offre quest opzionali e subplot che, per quantità, possono tranquillamente rivaleggiare con titoli del calibro di Baldur's Gate, e persino di Dragon Age. La varietà è senza dubbio l'arma vincente di questo gioco: grande varietà di missioni, di ambientazioni e luoghi da visitare e di modalità di personalizzazione del personaggio. Da questo punto di vista il dualismo magia/tecnologia la fa da padrone, imponendosi come elemento caratteristico del gioco. Sia quando creerete il vostro personaggio infatti, sia quando salirete di livello, avrete la possibilità di distribuire dei punti abilità, e fare la vostra scelta: magia, tecnologia o neutralità? Io ho sempre pensato che la neutralità non servisse a nulla, quindi non ho sperimentato l'articolo. Quello che posso dirvi è che, nel corso del gioco, avrete continuamente l'imbarazzo della scelta: le abilità a vostra disposizione sono tantissime, così come gli incantesimi che potrete apprendere e gli oggetti che potrete costruire tramite i progetti di tecnologia.
Schermata del personaggio.

Arcanum punta così tanto sulla varietà che persino il finale è "variabile": a seconda delle scelte fatte durante il gioco, e del vostro allineamento, la fine del gioco sarà diversa. Un'altra cosa che determina molto lo svolgersi degli eventi è la vostra reputazione, che influenzerà ovviamente le reazioni dei personaggi con cui vi troverete a dover "trattare": non sempre il combattimento sarà l'unica soluzione a vostra disposizione, e spesso non sarà la migliore. E meno male, dirà a questo punto qualcuno che ha già giocato a questo gioco. Effettivamente il sistema di combattimento non è proprio all'altezza di tutto il resto del gioco. Anche in questo caso c'è possibilità di scegliere: potete passare in qualunque momento dalla modalità in tempo reale alla modalità strategica a turni. Tutte e due hanno i loro difetti, non ultimo l'impossibilità di controllare completamente gli altri membri del gruppo (durante le vostre avventure, ovviamente, potrete reclutare una grande quantità di alleati, a seconda del vostro carisma, della vostra reputazione e delle vostre scelte). Potrete infatti dare delle indicazioni di massima, strategiche, ai vostri compagni, ma di fatto voi controllate solo l'eroe. Peccato. In ogni caso, la modalità strategica, che alla lunga risulta un po' noiosa, soprattutto negli scontri semplici, è sempre meglio di quella in tempo reale. Il combattimento in tempo reale è stracolmo di bug, spesso fa crashare il gioco, e comunque si svolge con delle animazioni innaturali e mostruosamente veloci: sembra una scena del Benny Hill Show. Personalmente l'ho provato una volta solo per poi passare allo strategico a turni definitivamente.

Una battaglia con straordinari effetti speciali.

Come forse avrete notato dalle foto, anche per un rpg del 2001, graficamente Arcanum lascia un po' a desiderare. Effettivamente spesso vengono fuori oggetti e mostri che utilizzano la stessa grafica di altri oggetti e altri mostri, creando un po' di confusione, e costringendoti alla bestemmia quando, magari, usi la pozione sbagliata in un momento cruciale. Ma vabbè, non si può avere tutto dalla vita.

Alla fine dei conti, se non lo avete mai fatto e se avete abbastanza tempo e voglia, vi consiglio di giocare ad Arcanum, almeno di provarci. La storia è interessante, l'ambientazione ancora di più. Inutile dire che ho sempre trovato irresistibile la scelta del personaggio "tecnologico": per maghi e stregoni ci sono BG e NWN, senza dubbio, anche se in Arcanum abbiamo la bellezza di 16 scuole di magia diverse.
Arcanum è una sperimentazione interessante, soprattutto perchè fatta in un periodo in cui lo steampunk non andava "di moda".

Il luogo dello schianto dello zeppelin e lo gnomo morente:
dove tutto è cominciato.

Inifne, per chi fosse interessato, è ancora online il bellissimo sito della Sierra dedicato al gioco, in un meraviglioso stile steampunk, con un sacco di contenuti interessanti e la demo scaricabile.
E, per i pigri sperimentatori, QUI troverete soluzioni e guide dettagliate al gioco.

Buon divertimento!

18 commenti :

  1. Che gioco fantastico! L'ho finito due volte, anni orsono, e lo avevo anche reinstallato poco tempo fa... peccato che continui a crashare. Sigh.
    Sarebbe bello avere un sequel o un reboot adesso, almeno sarebbe qualcosa di diverso dai mille videogames féntasi che continuano a uscire.

    RispondiElimina
  2. Ho sempre voluto giocarlo, Arcanum, ma non ho mai trovato il tempo di farlo. Attualmente ho Vampire: bloodlines in via di completamento e Planescape Torment in attesa sulla scrivania, se ne riparla tra un po'. Oddio, volendo prima ho anche Fallout 2 da ricominciare, visto che lo scorso format mi ha mangiato il save... Argh.
    Non ne fanno più, di giochi di ruolo così belli.

    RispondiElimina
  3. Eh no, pare proprio di no. Dragon Age: Origins ci prova, e in realtà anche Oblivion non mi ha affatto deluso, anche se non è un isometrico "puro". Adesso aspetto Skyrim, e chissà...

    RispondiElimina
  4. @ Zero: Planescape Torment e Vampire: Bloodlines sono tra i migliori Gdr di sempre. Un pò ti invidio, poterli rigiocare dall'inizio sarebbe fantastico :)
    @ Gherardo: ti prendi Skyrim appena esce? Allora facciamo che ci si risente... uhm... verso febbraio? :D

    RispondiElimina
  5. quanti bei ricordi davvero. Anche io tengo d'occhio Skyrim, ma dovrei pure cambiare pc e cmq aspetto un paio di settimane, giusto per essere sicuro che non sia l'ennesima trashata.
    E di the witcher che mi dite?

    RispondiElimina
  6. Giob: stai forse insinuando che distruggerà la mia vita sociale? :D
    Comunque diciamo che intanto voglio vedere di che si tratta...poi se ne parla. Comunque sicuramente una giocata ce la faccio! Oblivion mi ha preso parecchio, a suo tempo, però adesso ho davvero molto più lavoro. °_°

    @Keane: non l'ho mai giocato, in realtà... La mia caratteristica principale è quella di andare in fissa con un paio di giochi e rigiocarli in tutti i modi possibili e immaginabili. :D

    RispondiElimina
  7. Chi, moi? Noooo... :D

    @ Keane: the Witcher è un altro must. L'ho giocato da poco, approfittando di un'offerta del sito Good Old Games. Quando avrò tempo mi butterò sul sequel :)

    RispondiElimina
  8. @Giob: infatti il primo TW mi era piaciuto molto - pure io grazie a GOG. Il secondo dicono tutti sia un capolavoro, ma devo ancora provarlo - con calma, con un pc nuovo, in futuro.

    @Gherardo: se Skyrim è bello come l'hype di questi mesi lo fa sembrare, andrai in teatro vestito da vichingo :D
    A proposito, in che città lavori?

    RispondiElimina
  9. @Keane: a Roma, a volte anche provincia e in qualche comune in Lazio...ma generalmente solo in the Capital :D

    RispondiElimina
  10. Ti odio un pochino, perchè mi hai invogliato a giocarci e purtroppo la tecnologia ludica odierna mi ha viziato e quindi difficilmente riesco a riprendere in mano giochi precedenti al 2005. Colgo l'occasione per suggerirtise non ne avevi già l'intenzione di buttacce nella Rubrica anche Rise Of Legends. So che è un ERRETIESSE e non un ERREPPIGGì però la fazione dei Vinci (e il nome dice tutto) ha uno stile parecchio steampunk, tra archibugieri, dirigibili, rudimentali elicotteri, robottoni e robottini.
    P.S. Comunque sò Viviano

    RispondiElimina
  11. Ciao bello! Benvenuto su questi lidi! :D
    Non conosco Rise of Legends, ma gli darò volentieri un occhiata!
    Capisco il tuo problema, ma per fortuna non mi riguarda: io subisco molto il fascino dei giochi un po' vintage! :D

    RispondiElimina
  12. L'unico RPG degno di tale nome che abbia giocato e mi sia piaciuto è stato Ultima Online (shard italiano, The Miracle). Lo recensii tempo addietro, ero liceale, e nel mio paese c'era una bella combriccola che ci giocava.
    Ho provato a giocare Baldur's Gate, ma... è invecchiato davvero male, acciderboli! Grafica a parte, mi è sembrato incredibilmente lento, limitativo, e per giunta lo scorrimento "a stanze" dell'ambientazione non mi garba affatto, lo rende uno di quei giochi "sui binari" - niente a che vedere con Elders Scrolls, il cui Skyrim ha già provocato diverse erezioni in tutto il globo. :D
    Oltre a questo, mi è sembrato troppo lento e complesso, e l'ho abbandonato.
    Arcanum lo avevo sentito solo di nome, un mio amico mi aveva detto che era come BG e ho lasciato perdere. Ma col tuo entusiasmo e questi accattivantissimi screenshots mi hai fatto venire voglia di giocarlo. Il che è male, perché già per i blog leggo e commento a più riprese, nei ritagli di tempo. Figuriamoci giocare agli rpg! Ma un'occhiata alla demo si può dare... Poi, chissà! Magari mi prende e rimando la laurea! xD

    RispondiElimina
  13. @Taotor: conosco TM perchè frequentavo IGZ, hai presente?Io però giocavo a nwn, ai tempi.
    Non ha molto senso confrontare un rpg online con un singleplayer. Torment e BG1 e 2 è vero, avevano una main quest rigida, ma si facevano amare per l'esplorazione e la quantità di quest secondarie e i personaggi (Morte e Minsk su tutti). Hanno imposto uno standard qualitativo che da allora non è venuto meno.

    Per quanto riguarda Skyrim, la recensione di RPS
    è categorica:

    "Not only is Skyrim, for my money, the game of the year, but… oh this is hard. Very hard. I’m sorry Morrowind – I love you, but I don’t need you anymore. I think, at last, there is a new Best Elder Scrolls Ever."

    qui il pezzo intero:

    http://www.rockpapershotgun.com/2011/11/10/skyrim-review-pc/

    e loro sono abbastanza equilibrati nelle recensioni(non prendono soldi, in poche parole)

    RispondiElimina
  14. "col tuo entusiasmo e questi accattivantissimi screenshots mi hai fatto venire voglia di giocarlo."

    Bene, ho raggiunto il mio obiettivo! :D

    "Magari mi prende e rimando la laurea! xD"

    Ecco, questo magari lo eviterei... :D


    Devo ammettere che, quando qualche tempo fa ripresi in mano BG 1, anche io mi sorpresi di come lo trovassi invecchiato male...però mantiene sempre un fascino irresistibile per me! All'epoca poi figurati, io stavo già in fissa con d&d e non trovavo persone che ci giocassero...per me BG era un sogno!

    Per quanto riguarda Skyrim...lo voglio °_°

    RispondiElimina
  15. Se ti interessa ho una mia recensione autografa di Rise Of Legends(ecco il link http://videogiocatori.blogspot.com/2008/10/rise-of-nations-rise-of-legends.html ), e spulciando tra le mie recensioni ho ricordato che ho recensito un altro gdr à la Arcanum ed è una delle ultime (se non l'ultima in assoluto) opere della Black Isle, ovvero la Mammina del nostro comune idolo BG, pubblicate prima della (SIGH) bancarotta, . Si chiama Lionheart (voilà http://videogiocatori.blogspot.com/2009/04/lionheart.html ) Buon divertimento. Comunque capisco il tuo attaccamento a BG ero nella tua medesima situazione.

    RispondiElimina
  16. ciao, simpatico il tuo blog. cerco di seguirlo sempre.
    se ti va, ogni tanto, fai anche un salto sul mio. ho aperto la pagina fb:
    https://www.facebook.com/pages/Letteratura-Cinema/274994392537642

    ciao ciao

    RispondiElimina
  17. Gioco bellissimo, ma dannatamente sbilanciato.
    Il mago dopo dieci livelli diventa invincibile, ci finisci il gioco nel giro di una settimana neanche troppo impegnata. Il mio primissimo pg ladro/gunslinger ha preso mazzate dall'inizio alla fine e ha avuto di buono solo il nutrito seguito (che lo ha reso praticamente inutile) e un ottima schivata. Il mio ultimo nano tecnocrate puro, invece, a fatica riusciva a superare i primi ostacoli senza l'aiuto di Virgil XDD

    RispondiElimina
  18. Effettivamente, una perla di gioco e concordo con Mattia sopra di me nel dire che è sbilanciato TROPPO a favore della magia: il primo incantesimo di necromanzia è sbagliato, fuori da ogni logica u.u

    Comunque, trama interessante, quest di contorno forse più interessanti e molto particolari visto quando il gioco è uscito. Sarebbe stato il top se ci fosse stata una maggiore interazione con i personaggi del seguito, ma chiedo troppo forse XD

    RispondiElimina