"Risorgimento di Tenebra": Repubblica di Sangue - prima parte

Qualche giorno fa la mia attenzione è stata catturata da questo post sul blog di Alessandro Forlani. Si tratta di una delle parti di una blog novel intitolata "La Breccia di Porta Alchemica". Forlani la scrive come parte del "progetto" Risorgimento di Tenebra, un'idea di cui trovo notizia nel blog di Gianluca Santini, precisamente in quest'altro post. L'idea mi sembra interessante, ed è quella di scrivere qualcosa (racconti, post autoconclusivi, blog-novel, tazebao, qualsiasi cosa) che sia ambientato in un 1800 "fantastico", in cui il nostro Risorgimento avesse a che fare con il soprannaturale.
Catturato dalla genialità della cosa, e sollecitato dal buon Forlani, ho deciso di cimentarmi con il Risorgimento di Tenebra tramite una blog novel, di cui pubblico qui sotto la prima parte... Buona lettura.


EDIT: come giustamente segnalatomi da Elgraeco, rettifico scrivendo che l'idea di Risorgimento di Tenebra viene dal gruppo facebook MOON BASE.








Repubblica di Sangue - prima parte
















Giovanni Maria Mastai Ferretti stringeva il foglio di carta tra le mani tremanti, leggeva e rileggeva il proclama in silenzio, con gli occhi sgranati.

«È inaccettabile! »

Tommaso si affrettò a raccogliere il foglio stropicciato che Papa Pio IX aveva lasciato cadere a terra in un moto di stizza.

«Sii gentile, porta qui carta, penna e calamaio, e preparati a scrivere. »

«Santità, non vorreste prima che chiamassi Monsignor Lambruschini?»

«No! Devi prestarci orecchi e attenzione, Tommaso. Noi non ci aspettiamo che tu capisca, tuttavia è necessario che tu faccia ciò che noi ti chiediamo di fare. Subito.»

«Sì, Santità.»

Quando rientrò nella sala, preceduto dall’eco dei suoi stessi passi nei corridoi vuoti e silenziosi del castello, Tommaso trovò il Papa assorto nei suoi pensieri, con un’espressione di tale tensione, che quasi ne deformava i lineamenti. Si costrinse a fare un po’ di rumore, mentre sistemava l’occorrente sullo scrittoio e accendeva la candela, per evitare di sorprendere Sua Santità in un momento delicato.
Pio IX si riscosse dai suoi pensieri e si alzò dalla pesante sedia in legno scuro. Cominciò a impartire istruzioni a Tommaso mentre passeggiava su e giù per la stanza, le morbide pantofole non producevano alcun rumore sul pavimento di marmo.

«Dovrai scrivere per Noi due missive, che indirizzerai ai Nostri fedelissimi amici, il ministro Edouard Drouyn de Lhuys e il feldmaresciallo Josef von Radetz.»

«Sì, Santità.» Tommaso esitò per un attimo, prima di continuare a parlare. «Tuttavia, ritengo che Monsignor Lambruschini vorrebbe essere informato delle vostre intenzioni. Forse potrebbe...»

«Abbiamo già parlato, in merito. Questa questione necessita di un’azione immediata. Noi siamo stati oltraggiati! E ogni ora che passa, ogni minuto, ogni istante in cui ci troviamo in questa incresciosa situazione ci indebolisce. Le azioni detestabili di un manipolo di anarchici stanno mettendo in discussione la Nostra Autorità, quantunque questa sia irrefragabilmente stabilita da antichi e solidi diritti, venerata, e riconosciuta dalle nazioni tutte! Noi non abbiamo intenzione di lasciar intendere che il Nostro sovrano potere sia soggetto a controversia. O peggio ancora che dipenda dal capriccio di alcuni.»

«Santità, voi davvero definite tutto quello che sta accadendo... Un capriccio?» Si pentì subito di aver parlato non appena lo sguardo febbrile di Pio IX lo trafisse.

«Sì. Perché, tu vorresti adoperare un’altra parola? Un capriccio. Di bambini stolti e ignoranti, che non hanno idea di ciò che tengono per le mani. E nei loro assurdi e chiassosi conciliaboli parlano di libertà, quando altro non sono che schiavi della Volontà Divina!»

«Perdonatemi, Santità. Ho parlato troppo.»

«E’ vero. Ma sei anche giovane, e irrequieto. È normale che tu non comprenda appieno ciò che sta accadendo.»

«Posso confidarmi con Voi, Santità?»

«Certo che puoi, Tommaso! Io sono solo l’ultimo dei servi di Dio. Parla liberamente.»

«Molti tra i miei amici di un tempo sono rimasti affascinati dalle idee...dai discorsi di quel Mazzini. Discorsi pericolosi.»

«Ma che riscuotono consensi. Lo sappiamo. E c’è di peggio. A nord corrono altre voci, la gente mormora di... comunismo.» Pio IX sputò quella parola fuori dai denti, come fosse il veleno d’un serpente succhiato via da una ferita infetta.

«Comunismo? Qualcosa che ha a che fare con i fatti di Parigi, del secolo scorso?»

«Qualcosa che ha a che fare con le balzane idee di un certo Federico Engels e del suo indegno sodale, Carlo Marx. Nel loro libercolo infernale vanno cianciando di spettri. Ebbene, noi gli faremo vedere che ben altri spettri s’aggirano per l’Europa. Spettri che rispondono ai nostri comandi. Spettri che faranno tremar loro le ossa e spazzeranno via dal loro animo la baldanza come cenere al vento.»


continua...

13 commenti :

  1. Bello. Molto intrigante l'atmosfera. Valutazione da lettrice ed estimatrice teatrica: può diventare più teatrico di così. Voglio il seguito! ;)

    RispondiElimina
  2. interessante sia l'idea che la tua blog novel

    RispondiElimina
  3. Sweet! In quante parti sarà questa blog-novel? :)

    RispondiElimina
  4. Innanzitutto grazie dei commenti e complimenti! ^^

    @AVB: Eheheh! Vedrai, ti stupirò!

    @Giob: In realtà è in costruzione... Essendo parti da 600 parole circa l'idea è di scriverne 5, un raccontino da 3000 parole più o meno. Ma potrei prenderci gusto e allungare il tutto. °_° Lo scopriremo solo vivendo... :D

    RispondiElimina
  5. Ciao e benvenuto nel progetto. Sono una delle menti dietro il Risorgimento di Tenebra.

    Se vuoi, posso linkare il tuo contenuto, come gli altri, nella pagina statica dedicata sul mio blog.
    Un unica richiesta, assieme al nome del progetto, si deve citare il nome del gruppo fb dove è nato, Moon Base. Un modo, questo per salvaguardare l'idea.

    Grazie per il tuo contributo. Saluti. ;)

    RispondiElimina
  6. Ecco un compagno di Risorgimento! Ti aggiungo al mio elenco, qui: http://maurolongo.wordpress.com/2011/12/07/risorgimento-di-tenebra-panoramica/

    e complimenti per il racconto!

    RispondiElimina
  7. Eccoti finalmente immerso fino al collo nei guai che, per certo, la patria & tenebrosa causa ti procurerà! :-D

    «Certo che puoi, Tommaso! Io sono solo l’ultimo dei servi di Dio. Parla liberamente.»

    «Molti tra i miei amici di un tempo sono rimasti affascinati dalle idee...dai discorsi di quel Mazzini. Discorsi pericolosi.»

    «Ma che riscuotono consensi. Lo sappiamo. E c’è di peggio. A nord corrono altre voci, la gente mormora di... comunismo.» Pio IX sputò quella parola fuori dai denti, come fosse il veleno d’un serpente succhiato via da una ferita infetta.

    «Comunismo? Qualcosa che ha a che fare con i fatti di Parigi, del secolo scorso?»

    «Qualcosa che ha a che fare con le balzane idee di un certo Federico Engels e del suo indegno sodale, Carlo Marx. Nel loro libercolo infernale vanno cianciando di spettri. Ebbene, noi gli faremo vedere che ben altri spettri s’aggirano per l’Europa. Spettri che rispondono ai nostri comandi. Spettri che faranno tremar loro le ossa e spazzeranno via dal loro animo la baldanza come cenere al vento.»

    Su quest'ultimo scambio ci ho ghignato un quarto d'ora: anch'io, nel racconto "Venite Invademus" (http://www.ultimabooks.it/qui-si-va-a-vapore-o-si-muore), ho usato il mio corregionale Pio IX come protagonista, anch'io l'ho immaginato così clericalmente viscido :-D

    Vai avanti, vai, vai! ché mi frego già le mani per gli spettri bolscevichi! :-D

    RispondiElimina
  8. @Elgraeco: ti ringrazio per la visita e per il link ho provveduto a editare il post aggiungendo la paternità dell'idea, hai fatto benissimo a farmelo notare! ^^

    @Mauro: Grazie per link e complimenti, leggo sempre volentieri le Ultime Lettere di Jacopo Mortis! :D

    @Alessandro: Sono contento che tu sia passato! E sono altrettanto contento che ti piaccia l'idea! :D L'antologia che hai citato è uno dei miei prossimi acquisti, devo solo vincere la pigrizia e caricare PayPal! :D

    Per il resto... Credo che nel fine settimana (Fiera Più Libri Più Liberi permettendo) dovrei riuscire a postare il secondo capitolo, per poi aggiornare regolarmente ogni settimana! ^^

    RispondiElimina
  9. Ciao :)

    Bene, bene, un altro partecipante! Benvenuto nel Risorgimento di Tenebra. :)

    Come inizio mi piace, lascia la giusta curiosità sul seguito della vicenda!

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  10. @Gherardo
    Figurati! ;) Ho provveduto a inserire il link al tuo contributo.
    Alla prossima puntata! :D

    RispondiElimina
  11. Se ti va, sarebbe molto interessante un tuo post di feedback della fiera...

    RispondiElimina
  12. Probabilmente della fiera parlerò, anche se non so ancora in che modalità, se con un post dedicato e approfondito o con commenti sparsi. O anche boh. In realtà dipende da quanto riuscirò a vedere, e dalle impressioni che riesco a raccogliere.

    RispondiElimina
  13. Ciao e benvenuto nella Tenebra! Interessante l'impostazione da piece teatrale. Alla prossima puntata!

    RispondiElimina