Il "NaNoWriMo Bundle" di Chuck Wendig!

Signori, innanzitutto è importante che voi sappiate che per apprezzare appieno questo articolo avete bisogno di sapere due cose fondamentali.
Cos'è il NaNoWriMo?*
Chi è Chuck Wendig??**

Ecco, una volta scoperto questo... Possiamo cominciare a parlare del favoloso NaNoWriMo Bundle!
Ah, no, un momento... Potreste ancora non sapere cos'è un bundle! Però ora basta link esterni, sarò breve: il product bundling altro non è che una strategia commerciale, che consiste nel vendere alcuni prodotti (naturalmente simili tra loro, o complementari) in una sorta di "pacchetto" che ha un prezzo inferiore rispetto all'acquisto di quegli stessi prodotti acquistati singolarmente.


Ora, se avete letto chi è +Chuck Wendig, e magari vi siete anche fatti un giro sul suo blog, avrete scoperto che si tratta di uno scrittore fighissimo (o un modesto penmonkey, come si definisce lui stesso), che si esprime spesso in maniera terribilmente volgare e con metafore... Inusuali. Probabilmente avrete anche scoperto che si tratta di un autore di Urban-Fantasy-Thriller davvero niente male.
E anche di un autore che ha pubblicato una valanga di "agili manualetti" contenenti i suoi consigli di scrittura. Dove "una valanga" significa sei, e "consigli di scrittura" significa delle interessantissime liste di 25 punti sugli argomenti più disparati.
Qualche esempio?
  • 25 motivi per cui il tuo personaggio principale fa schifo
  • 25 motivi per cui dovresti arrenderti e smettere di scrivere
  • 25 bugie che gli scrittori si raccontano (e cominciano a crederci)
  • 25 cose che dovreste sapere prima di scrivere il vostro Primo Capitolo
Cose così. Mi piace definirle delle simpatiche utilities per scrittori.
Non recensirò i suoi libri sulla scrittura, né i suoi romanzi: del resto ho cominciato a leggerlo da poco e non ho neppure letto tutti i libri presenti nel suo NaNoWriMo bundle... Ah, giusto, il bundle. Eravamo qui per parlare di questo, no?
Il NaNoWriMo bundle è un pacchetto "offerta speciale" disponibile solo da ora fino alla fine di Novembre (il NaNoWriMo, appunto) e che contiene tutti e sei i libri di Wendig sulla scrittura:
  • 250 Things you should know about writing
  • 500 Ways to tell a better story
  • 500 Ways to be a better writer
  • 500 More ways to be a better writer
  • Confessions of a Freelance Penmonkey
  • Revenge of the Penmonkey
Tanta roba, insomma. Molti consigli, alcuni teorici, altri pratici, tutti straordinariamente simpatici e Wendig-style... Si parla di autopubblicazione, di editoria, di editing, revisione, personaggi principali, "formule", motivazioni, documentazione, "fisse" da scrittori, artistoidi e artigiani della scrittura... Personalmente ho dato un'occhiata e quello che ho visto mi è piaciuto assai.
Parliamo ora di sporchi soldi: comprare i libri singolarmente, per esempio su Amazon, costerebbe 18 $.
Comprare ora il NaNoWriMo bundle ve ne costerà 10. Attenzione, 10 dollari, non 10 Euro. Si tratta in effetti di acquistare 6 ebook alla vertiginosa cifra di 7 € e spicci. E stiamo parlando di ebook la cui lunghezza varia dalle 100 (96, per la precisione) alle 350 pagine.
Ah, ho già detto che hanno delle copertine splendide?


Ora, prima di lasciarvi decidere se cogliere o no questa fantastica occasione, voglio trascrivere un paio di "brani" di uno dei libri in questione. Tanto per darvi un'idea. Non credo di fare cosa sgradita all'autore, visto che molte delle cose presenti nei libri erano post presenti sul suo blog, alcuni persino già arrangiati in forma di liste da 25 punti.***
Il primo passaggio in questione viene da una sorta di "prefazione" breve che Wendig fa al suo stesso testo. E la fa citando una recensione negativa presa da un'utente Amazon.

Primo estratto (da 500 More Ways to be a Better Writer)

My e-book release of earned this one-star review at Amazon from someone named Linda:
If this author had anything helpful to say, it was impossible to find. The book is a conglomeration of abusive statements, excessive swearing, arrogant-side tracking and blatant lack of any sense of how to communicate ideas. Definitely not worth the 99 cents, and since I cannot get a refund, I am hoping this review will save others their hard earned money.
You can tell she hated the book, and that’s fine. For my money, I quite like that review. Because you know what? It’s pretty goddamn accurate.
This book, like 250 Things, features yet another conglomeration of abusive statements, excessive swearing, and arrogant side-tracking. I hope that I somehow manage to communicate ideas in a meaningful way, but I’ll leave that for you to decide.

Secondo estratto (da 500 Ways to tell a Better Story)
(dal capitolo 25 Reasons Now is the Best Time to be a Storyteller)

12. Throw a Pebble
Every story you write and put out there is a pebble. Every blog post, tweet, and photo is another pebble. Every time you interact with another human and foist another positive piece of yourself upon the world -- sploosh -- another pebble thrown into the water. And every pebble creates ripples and those ripples cross one another and sometimes reach untold shores. It's chaos theory in action -- a butterfly flaps his wings in Tokyo and a giant diaper-clad orangutan destroys San Francisco. Or something. Point is, the vibrations of your storytelling are farther-flung, and that's a wonderful thing.

Spero, con questi due estratti, di aver reso bene l'idea del contenuto dei libri e dello stile della persona che produce quei contenuti. A me i contenuti sono piaciuti. E la persona mi sta simpatica. Quindi io i miei 7 € ce li ho messi, e mi sono portato a casa (anzi, ho scaricato dall'apposita dropbox) tutti e sei i libri. E siccome sono soddisfatto dell'acquisto, ho scritto un post sul mio blog.
L'ho già detto che uno dei punti degli elenchi è Increasingly Active Audience?

____________________________________________________________
*  Per i pigri che non cliccheranno e non leggeranno il contenuto del link: è una sigla che sta per National Novel Writing Month. Un mese in cui autori più o meno famosi (e più o meno autori) di tutto il mondo sfidano se stessi cercando di scrivere un romanzo (una novel) di 50.000 parole dal 1 al 30 Novembre. E poi... No, basta, non vi dico altro, siete stati pigri.
**  Per i pigri che non cliccheranno e non leggeranno il contenuto del link: Chuck Wendig è uno scrittore, blogger, sceneggiatore che ha pubblicato diversi libri, in particolare urban fantasy, con un discreto successo. Ho letto poco di suo, ma di certo mi rifarò molto presto con Blackbirds, il primo romanzo della serie dedicata al suo personaggio Miriam Black, una sorta di veggente che... Basta. L'ho già detto che siete stati pigri, no?
***  Uhm... Ma ve la immaginate qui in Italia la reazione alla scelta di un blogger di pubblicare articoli usciti gratis sul suo blog e poi riveduti, riordinati e corretti... E pubblicarli a pagamento? Come si dice a Roma: me reggo la panza... :D

0 commenti :

Posta un commento