Canzoni e Storie

Post amarcord oggi, con un po' di considerazioni sparse sui miei gusti di tanto tempo fa... Gusti musicali, in questo caso.
Mi rendo conto solo ora che, in particolare da ragazzino, mi affascinavano un sacco le canzoni con una "storia"... Cioè, le canzoni che riuscivano a raccontare proprio una storia, dall'inizio alla fine. Avvenimenti puri e semplici, magari senza particolari lirismi, o intenti "simbolici"... Tipo La Donna, il Sogno e il Grande Incubo degli 883. Mi spiego? Roba che, a risentirla oggi, mi viene da ridere... Però mi ricordo che all'epoca quella canzone mi colpì molto. 
Correva l'anno 1995, e io avevo... Nove anni. Nove anni quando sentii per la prima volta la canzone che dava il titolo all'album qui a fianco. La prima volta che ascoltavo una canzone che era un racconto... Un racconto "horror", tra l'altro, nell'immaginario del bambino che ero.
Il pedinamento nel buio, in una strada di campagna, un motel sperduto nel nulla, una donna misteriosa, una fuga precipitosa... Salvo poi scoprire che si tratta soltanto di un brutto sogno. Un classico.*

Ecco, dopo aver ascoltato quella canzone, il mio modo di sentire la musica è cambiato. Da allora ho cominciato a prestare molta più attenzione ai testi delle canzoni che non alla musica o persino alla voce dei cantanti.
Ed ecco quindi la riscoperta della più vecchia Nord Sud Ovest Est, con la sua atmosfera western e il suo gergo alla Tex Willer però con l'accento milanès... (e non sapete che fatica che ho fatto per capire cosa intendesse con "lancio qualche pèso al cantinero"! Oh, avevo nove anni!) E il quasi-duello tra pistoleri per gli occhi di una donna...**
Poi venne il tempo del mio primo walkman, e delle musicassette trafugate dal cassettone sotto la libreria del salotto di casa mia... Le musicassette di vecchio rock vendute con L'Espresso, per la precisione: mio padre le comprò tutte. E, fra tutte, la mia preferita: The Final Countdown degli Europe!  Che soddisfazione cogliere le mie prime parole di inglese***, cercarle sul dizionario... E scoprire che quella canzone, la mia preferita, era un racconto di fantascienza!! Fantascienza quasi-post-apocalittica, in realtà. :D

Sarebbe lunghissimo (e magari anche poco interessante) continuare il discorso anno per anno, le citazioni sarebbero veramente tante e nemmeno me le ricordo tutte. Mi ricordo però che, ad un certo punto, la pre-adolescenza si impossessò di me. Tentai, per un certo periodo (lunghetto, per la verità, durò almeno due o tre anni), di conformarmi agli amici di allora: cominciai ad ascoltare musica (che ora considererei) di merda, a perdere interesse per i testi... Una sorta di Medioevo musicale, per me. :D
Tutto cambiò ai tempi del Liceo, quando già amavo Tolkien e... Scoprii i Blind Guardian. Scoprii Nightfall in Middle Earth, il loro concept album basato sul Silmarillion, e la mia vita cambiò, di nuovo. Mi stavo già riavvicinando al rock, cominciavo ad ascoltare i nostri grandi cantautori, e il passo verso il metal fu cosa rapida e quasi automatica.
Scoprii il senso della parola "concept album", e scoprii che tantissimi gruppi avevano realizzato album le cui canzoni, tutte insieme, formavano delle storie. Che gioia! Mi ci tuffai, letteralmente.
Scoprii le metal opera, gli Avantasia e gli Edguy, scoprii (e ora li ricordo con un po' di pelle d'oca) gli album dei Rhapsody, così straordinariamente simili ad un misto di libri delle Dragonlance e partite di D&D (ancora non mi rendevo conto che pure i libri delle Dragonlance e le partite di D&D si somigliavano parecchio! :D)...
E scoprii il piacere di possedere dei cd originali per poter sfogliare i libretti interni, pieni di draghi, maghi cavalieri e coi testi in bella vista, lì, pronti a raccontarmi la saga della Emerald Sword!
Da lì iniziai ad ascoltare metal regolarmente, e metal di tutti i tipi... Ne esplorai persino le "correnti" più estreme, che però raramente mi piacquero davvero. Ascoltavo per lo più quello che viene (veniva?) chiamato power metal, in tutte le sue (assurde) varianti: folk, melodic, symphonic, progressive (cit. Wikipedia... E i deliri di qualche metallaro con la fissa delle etichette).
L'ultima canzone metal che ricordo per avermi raccontato una storia, e per avermi fatto immaginare in modo nitido atmosfere e paesaggi è Over the Hils and Far Away****, dei Nightwish, che ho sempre immaginato ambientato nel Far West, o in un'America stile Lettera Scarlatta di Hawtorne... Un vero capolavoro, quella canzone.

Oggi mi considero un fedele adepto della santa via di mezzo... Non sono più un "metallaro", non nel senso più puro del termine, anche se conservo un grande amore per certe melodie rock e metal dei "tempi andati"... Ascolto molti cantautori, e tra tutti il mio preferito è il Guccio, che con le parole è davvero un maestro. Ormai la "fissa" per le storie mi è passata, mentre quella di ascoltare innanzitutto "cosa" dica una canzone, piuttosto che "come" lo dica mi è rimasta. Forse è per questo che non sopporto Sanremo? :D

E voi? Condividete (o avete mai condiviso) con me la fissa delle canzoni che "raccontano"? Ci sono canzoni così che vi sono rimaste nel cuore?

________________________________________________
* Ok, come volete, potete anche dirmi che la stanza d'albergo piena dei ricordi del protagonista simboleggia un po' la perdita dell'innocenza, dell'aria "cazzeggiosa" dell'adolescenza in favore dell'amore, o delle donne... Ma dai, in sostanza la canzone rimane sempre una classica storia horror! :D
** Sì, sì, la metafora, la metafora...
*** Io non facevo inglese alle elementari, solo francese. L'inglese lo avevo imparato con le Magic e i videogames!
**** Che poi, scrivendo questo post, ho scoperto una raccolta di racconti di Lord Dunsany con questo titolo... Sembra interessante!

3 commenti :

  1. Per me una canzone deve raccontare una storia per forza. Sennò non suscita il mio interesse. Un "baby baby" o un "happy happy" non mi trasmettono nulla. Il testo è parte della canzone, e quella parte la deve fare bene.

    RispondiElimina
  2. The Final Countdown degli Europe fu la prima canzone della mia infanzia. Mia madre la ascoltava quando ero ancora nel suo grembo e continuò ad ascoltarla per due o tre anni a venire.
    Ho una predilezione per chi attinge a piene mani dalla letteratura fantasy e ci fa sopra canzoni, l'idea e la sensazione che quei fatti di carta abbiano anche una colonna sonora è sempre piacevole.

    Fun Fact: ascoltavo "Man on a Mission" leggendo le Cronache del Mondo Emerso. Oramai i Gamma Ray per me sono inevitabilmente legati a Nihal e viceversa. Non imitatemi, anche se credo sia l'unico, vero motivo per cui non ricordo "Nihal. della Terra del Vento" come un pessimo romanzo, stando a quello che si legge in giro.

    RispondiElimina
  3. Fargetta ha fatto il remix del pezzo di Tiziano Motti: http://youtu.be/GirOcEhfezs

    RispondiElimina