Mondiali 2014: un bilancio prima delle Finali

Eh, un post sui Mondiali 2014 lo dovevo fare per forza.
Forse non lo sapete, cari lettori, ma io sono un appassionato di calcio, in particolare delle partite della Nazionale italiana, e in genere delle Nazionali tutte. Durante l'anno sono un finto tifoso della Lazio, dico finto perché, in effetti, sono almeno dieci anni che del campionato me ne frega il giusto.

Comunque, dicevo, la Nazionale.
Mi piace seguire i Mondiali e gli Europei, e quando riesco sbircio anche le altre competizioni continentali: Coppa d'Africa e Coppa d'Asia su tutte, anche se la seconda sembra essere una delle competizioni continentali meno interessanti della storia del calcio. :D
Fortunatamente questa competizione mondiale, Brasile 2014, me la sono abbastanza goduta. Nonostante la pessima gestione Rai delle partite, sono riuscito anche a "scroccare" un po' di Sky, così da vedere più partite di quelle trasmesse dalla nostra rete nazionale. Scrivo questo post il giorno della prima finale, la "finalina" per il 3° e 4° posto, alla quale partecipa, con mia immensa sorpresa, la squadra di casa. Questo post è una sorta di bilancio del Mondiale ormai quasi trascorso, con annesso pronostico sul vincitore.
Via col bilancio: sigla!

Fase a Gironi
Probabilmente la fase più sorprendente del Mondiale 2014. Mi sono divertito moltissimo a vedere le partite della fase a gironi, che si sono rivelate ricchissime di gol. Non sono mancate partite-goleada, come lo splendido (ho goduto come un riccio :D) 5-1 rifilato dall'Olanda alla Spagna, o il 4-0 tra Germania e Portogallo. Un totale di 136 reti segnate in 50 partite. Più di 2 gol e mezzo a partita, in pratica. Neanche a farlo apposta, qual'è stato il girone con il minor numero di reti segnate? Ovvio, il nostro. :D
Fase a gironi caratterizzata però anche da un numero incalcolabile (e inqualificabile) di sviste arbitrali, alcune delle quali, come quelle che hanno permesso ad un mediocre Brasile di vincere immeritatamente la gara d'apertura contro una buona Croazia, hanno fatto pensare a qualcosa di diverso da semplici "errori". Ma io sono un dietrologo, quindi adesso smetto con la polemica.
Come dicevo, la fase a gironi è stata sorprendente. Moltissime le eliminate "illustri", prime fra tutte Italia, Spagna, Inghilterra e Portogallo. Eliminata a sorpresa anche la Russia di Capello, in favore di una fomentatissima Algeria; eliminato un Giappone terribilmente mediocre, che mi ha regalato partite di una noia mortale: un peccato, mi aspettavo decisamente meglio da Honda e soci.
In conclusione, questa fase è stata divertente ma, per me, deludente dal punto di vista delle squadre "passate": mi interessava vedere in azione il Belgio, la Croazia e la Bosnia: è passato agli ottavi soltanto il Belgio.

Ottavi di Finale
Contrariamente alla fase a gironi, questa è stata probabilmente la fase più deludente del Mondiale: poche reti, diverse partite finite ai rigori (detesto l'atmosfera di estrema casualità che permea i rigori), squadre che avrebbero dovuto spaccare il mondo si sono ridotte ad accontentarsi di vittorie di misura: bruttissime in particolare Argentina-Svizzera e Olanda-Messico, due partite da cui mi aspettavo molto.Mediocre anche Belgio-Stati Uniti, che sula carta sarebbe dovuto essere un bel massacro. Un'altra vittoria a base di Neymar e fortuna per il Brasile, che si conferma come una squadra assolutamente mediocre.
Una nota di pura goduria? La sconfitta dell'Uruguay. Sì, sono un tipo vendicativo. :D

Quarti e Semifinali
I quarti di finale hanno "riportato in carreggiata" il Mondiale sorprendente che avevamo visto fino ad ora: sono bastate due partite tutt'altro che entusiasmanti di Argentina e Olanda per eliminare le uniche due outsider rimaste: fuori Belgio e Costa Rica, e grandi aspettative per la semifinale Argentina-Olanda.
Dall'altra parte del tabellone, invece, finalmente si vede il Brasile degno della semifinale: fuori la Colombia, che se la gioca piuttosto bene. Bellissimo anche (sulla carta) lo scontro tra i giganti d'Europa: Francia e Germania, che però ci regalano una partita modesta, dominata da una Germania bella quadrata e che schiera una formazione che sembra l'All-Star di un vecchio Winning Eleven. :D
Germania-Brasile è una semifinale che ha il sapore di una finalissima.
Ora, su Argentina-Olanda non vale la pena di spenderci più di una dozzina di parole: partita anonima, l'Olanda che ha stravinto il girone e umiliato la Spagna non si è più fatta viva. Triste 0-0, "lotteria dei rigori" che premia l'Argentina, tanti saluti a Robben e soci.
E' Germania-Brasile che farà entrare negli annali questo Mondiale. Che devo dire? 7-1, un record assoluto, un Brasile annichilito, una squadra che mi era antipatica ma che non ho potuto fare a meno di compatire, tanto sembravano annichiliti giocatori e tifosi. Lacrime e sangue, letteralmente.
Assenze pesantissime quelle di Neymar e Thiago Silva, certo, ma la dipendenza psicologica della famosa "Selecao" da un ragazzino del '93 (per carità, forse è l'attaccante più forte del mondo, ma possibile che tutti gli altri giocatori brasiliani manchino di carisma?!) è francamente impensabile. Il Brasile sbanda completamente dopo il secondo gol dei tedeschi, e la Germania ne approfitta.
E così, arriviamo alla finalissima di domenica: Germania-Argentina.

L'Italia
Credevate che non ne avrei parlato? Illusi. Ma, davvero, basta poco. La prestazione, anzi, le prestazioni dell'Italia a questi Mondiali sono state indegne. Tutte indegne.  Compresa quella contro l'Inghilterra, che abbiamo vinto solo perché gli inglesi erano più scarsi di noi. Imbarazzanti quasi tutti i reparti, si sono salvati giusto i portieri, e a tratti il centrocampo. Verratti, il fenomeno, s'è visto solo nella partita contro l'Uruguay. Attacco? Non pervenuto. E qualcuno ha detto che è colpa del povero Balotelli. Dai, non scherziamo. Un ragazzino con il peso di tutto l'attacco della Nazionale sulle spalle? DA SOLO? Non scherziamo! Tra l'altro Balotelli è, strutturalmente, una seconda punta. Ma questo a Prandelli non interessa granchè: del resto abbiamo schierato Chiellini e Marchisio fuori ruolo in tutte e tre le nostre partite.
Sì, in soldoni io credo che la colpa della pessima figura che abbiamo fatto sia al 90% del mister.  "Dal capo viè la tigna", si dice a Roma. Convocazioni fatte male, sostituzioni fatte male, formazioni fatte male. Risultato: quattro tiri in porta in tre partite, Italia fuori al girone. Non poteva essere altrimenti, del resto.
Ah, vogliamo parlare di Paletta? Vi prego, qualcuno commenti per spiegarmi perché abbiamo avuto necessità di NATURALIZZARE quel giocatore. Davvero il nostro calcio non è riuscito a produrre qualcuno al suo livello? E Criscito? Ranocchia? Mah...
Ah, per favore, qualcuno venga a dirmi che abbiamo perso per colpa degli arbitri, dai.

I volti del Mondiale
Piccola puntatina sui giocatori emersi fin qui: della Germania non si parla, ha una formazione di un altro
livello rispetto a qualsiasi altra. Non c'è un giocatore della Germania che non sarebbe ambito dalle migliori squadre del nostro campionato. Forse i difensori non sono eccelsi, ma credo che a compensare la qualità basti il miglior terzino del mondo, Philip Lahm.
Sorprendente Rodriguez della Colombia, e, per me, sorprendente Neymar: non avevo idea dell'impatto psicologico che la sua figura ha su tutta la squadra. Sorprendente davvero, nel bene e nel male.
Ho avuto la conferma che Suarez è completamente pazzo: non c'è nulla da fare, quando è troppo sotto pressione gli parte la scheggia, e mozzica. Credo che, insieme alla squalifica, sia d'obbligo una visita dallo psicologo. No, dico sul serio.
Le giovani star del Belgio non mi hanno entusiasmato, ma continuo a considerare Mertens un vero fenomeno. Invece, osservando le partite, mi sono accorto di come in tutto il mondiale si siano visti non più di quattro o cinque portieri di livello. Buffon e Sirigu, nella nostra migliore tradizione calcistica, e poi Neuer, probabilmente il più forte del mondo ora, e Courtois. Tutto il resto è papera.

I media
Due parole veloci per concludere quello che è diventato un post chilometrico.
Poco prima dell'inizio del Mondiale, in un suo post, +Davide Mana lamentava la monopolizzazione dei media da parte del Mondiale. Beh, aveva ragione, come al solito è stato un vero bombardamento. Du' palle, persino per me che amo il calcio. Soprattutto sono state insopportabili le chiacchiere dopo l'uscita dell'Italia, con una corsa sfrenata alla condanna di Balotelli, e qualche voce che "è colpa dell'arbitro, Marchisio non andava espulso e Suarez sì." E vabbè...
In compenso, ho trovato belle cose nella blogosfera. I commenti del +sommobutaReturns, e due post davvero interessanti di +Alessandro Girola: il primo, un bell'articolo di "inizio Mondiale", e il secondo un geniale post sui Mondiali Ucronici del '76. Entusiasmante, veramente. ;)

Il pronostico
E con questo, concludo.
La Germania è la più forte. Merita di vincere, senza dubbio.
Per questo vincerà l'Argentina, e non entro i 90 minuti.
Ho detto.

1 commenti :