No purple, please

E così, è successo.
Questo blog langue terribilmente, mesi di deserto, i mesi ancora  prima passati con un post ogni morte di Papa... Ho deciso di dare una svolta.
Non voglio chiudere il blog, mi dispiacerebbe troppo e accarezzo l'idea di riprendere a scrivere, presto o tardi.

E allora?
E allora ho aperto un nuovo spazio.
L'ho aperto su Tumblr, piattaforma che anche in passato ho usato, poco e male, ma che mi è sempre piaciuta per i template accattivanti, la possibilità di condividere immagini, video, citazioni, audio... E post. L'interfaccia + intuitiva e, cosa non meno importante, l'applicazione su smartphone consente di scrivere post (o bozze di post) molto più comodamente della stupidissima applicazione di Blogspot.

Si, ma questo "nuovo spazio" sarebbe una copia di Draghi d'Ottone?
No, assolutamente. Ho aperto lo spazio nuovo proprio per questo: mi va di parlare di Teatro. E' il mio mestiere, in fondo, e qui ne ho parlato pochissimo, praticamente per niente. E adesso, dopo anni di articoli e amenità fantasy, semplicemente non mi sembra la sede adatta.
Per questo è nato No purple, please, il tumblr dove parlerò di Teatro e teatranti, di drammaturgia, regia, spettacoli, tradizioni... E dove posterò immagini, locandine, video e audio e ricchi premi e cotillon.
Vi aspetto di là, nel caso vi interessasse l'articolo, e sempre in attesa di rimettere in moto il vecchio Drago d'Ottone, che ha ancora diverse cose da dire.

0 commenti :

Posta un commento